Vai al contenuto
Home » La Terra Sotto I Piedi » Argentovivo (single)

Argentovivo (single)

Argentovivo (Daniele Silvestri, Rancore, Manuel Agnelli) 2019
Pubblicità

Artist: Daniele SilvestriRancoreManuel Agnelli
Released: 5 February 2019
Genre: Rock
Language: Italian
Label: Sony Music Entertainment Sony Music Entertainment Italy
Recorded at the: Milan,Lombardy,Italy EU
Album:
La Terra Sotto I PiediSanremo 2019
Video Publication date:
5 February 2019
Video producer:
Giorgio Testi,Luca Ciuti, Emiliano Novelli, Luca Previtali, Carlo Paramidani,Antonio Pettinelli,Mario Nuzzo,Anna Chiara Sabatino,Chiara Napoli,Francesco Macioni, Karim Benhadj Djilali,Valeria Larocca,Luca Sano,Noemi Intino, Francesca Risi, Elisa Caserini, Roberta Betti,Laura Latorre,Flaminia Ciabatti,Stanisz Kamil Krzysztof, Michele Scotto D’Abbusco, Matteo Zanchi,Daniele Carbonaro, Alessio Cianciuolo,Monica Galantucci, Mauro Maccari,Micaela Tempesta,Luca D’Annibale,Marco Prosperi,Andrea Gargano, Giuliano Zupi, Chiara Fazi, Jacopo Brucculeri, Luca Previtali,Cartocci Cinema, Tony D’Agrosa, Ilaria Loconsole, Alessandra Paganelli,Alessio Recchiuto ,Amir El Atqane ,Andrea Mastrelli,Annastella Alviti,Chantal Morelli,Daniele Di Paolantonio,Daniele Donatelli,Davide Gisone ,Eros Conforti,Flaminia Sartini,Giulia Bonci,Giulia Fraschetti,Giuseppe De Santis,Giusy Tringale,Heliana Kimhey Farias ,Ivan Belli,Lorenzo Marino,Marco Pancrazi ,Marika Esposito,Maurizio Jiritano,Mauro Aversano,Paolo Iannaci,Prakash Thareparambil,Salvatore Puglisi,Samuele Brancato ,Sergio Santini,Silvio Taucci,Simon Makonnen,Simon Rizzoni ,Simone Bonelli,Valentina Di Palma,Valeria TesT,Alfonso Cibelli, Ciliana Cibelli, Rodrigo D’Erasmo, Lisa Lelli, Fabrizio Marani, Francesca Risi, Fabio Rondanini, Daniele Tortora, Andrea Volpe
Prize:

Video


Argentovivo

Ho sedici anni
Ma è già da più di dieci
Che vivo in un carcere
Nessun reato commesso là, fuori
Fui condannato ben prima di nascere


Costretto a rimanere seduto per ore
Immobile e muto per ore
Io, che ero argento vivo, signore
Che ero argento vivo e qui dentro si muore
Questa prigione corregge e prepara una vita
Che non esiste più da almeno vent’anni
A volte penso di farla finita
E a volte penso che dovrei vendicarmi
Però la sera mi rimandano a casa lo sai
Perché io possa ricongiungermi a tutti i miei cari
Come se casa non fosse una gabbia anche lei
E la famiglia non fossero i domiciliari


Ho sedici anni
Ma è già da più di dieci
Che vivo in un carcere
Nessun reato commesso là, fuori
Fui condannato ben prima di nascere


E il tempo scorre di lato ma non lo guardo nemmeno
E mi mantengo sedato per non sentire nessuno
Tengo la musica al massimo, e volo
Che con la musica al massimo, rimango solo
E mi ripetono sempre che devo darmi da fare
Perché alla fine si esce e non saprei dove andare
Ma non capiscono un cazzo, no
Io non mi ci riconosco
E non li voglio imitare
Avete preso un bambino che non stava mai fermo
L’avete messo da solo davanti a uno schermo
E adesso vi domandate se sia normale
Se il solo mondo che apprezzo, è un mondo virtuale
Io che ero argento vivo dottore
Io così agitato, così sbagliato
Con così poca attenzione, ma mi avete curato
E adesso, mi resta solo il rancore


Ho sedici anni
Ma è già da più di dieci
Che ho smesso di credere
Che ci sia ancora qualcosa là, fuori
E voi lasciatemi perdere


È così facile da spiegare, come si nuota in mare
Ma è una bugia, non si può imparare
Ad attraversare quel che sarò


È così facile da spiegare, come si nuota in mare
Ma è una bugia, non si può imparare
Ad attraversare quel che sarò
Nella testa girano pensieri che io non spengo
Non è uno schermo
Non interagiscono se li tocchi
Nella tasca un apparecchio
Che è specchio di quest’inferno
Dove viaggio, dove vivo, dove mangio, con gli occhi
Sono fiori e scarabocchi in un quaderno
Uno zaino come palla al piede, un’aula come cella
Suonerà come un richiamo paterno
Il mio nome dentro l’appello
E come una voce materna, la campanella suonerà
È un mondo nato dall’arte
Per questo artificiale
In fondo è un mondo virtuoso
Forse per questo virtuale
Non è una specie a renderlo speciale
E dicono che tanto è un movimento chimico
Un fatto mentale
Io che non mentivo
Che ringraziavo ad ogni mio respiro
Ad ogni bivio, ad ogni brivido della natura
Io che ero argento vivo in questo mondo vampiro
Mercurio liquido se leggi la nomenclatura


Ho sedici anni
Ma già da più di dieci vivo in un carcere
E c’è un equivoco nella struttura
E fingono ci sia una cura, un farmaco ma su misura
E parlano, parlano, parlano, parlano


Mentre mio padre mi spiega
Perché è importante studiare
Mentre mia madre annega nelle sue stesse parole
Tengo la musica al massimo, ancora
Ma non capiscono un cazzo, no
E allora, ti dico un trucco per comunicare
Trattare il mondo intero come un bambino distratto
Con un bambino distratto davvero
È normale che sia più facile spegnere
Che cercare un contatto
Io che ero argento vivo signore
Io così agitato così sbagliato
Da continuare a pagare in un modo esemplare
Qualcosa che non ricordo di avere mai fatto


Ho sedici anni
Ho sedici anni
E vivo in un carcere
Se c’è un reato commesso là fuori
È stato quello di nascere

Writers: Daniele Silvestri, Manuele Agnelli,Fabio Rondanini,Tarek Iurcich

Enable Notifications OK No thanks