Vai al contenuto
Home » Perdo le parole (Album)

Perdo le parole (Album)

Artist: Riki
Released: May 19,2017
Genre:Pop
Language:Italian, English
Label: Sony Music Entertainment Sony Music Entertainment Italy
Prize:

  • 19 May 2017 FIMI Federazione Industria Musicale Italiana (gold disc record +25,000 copies sold)
  • 19 May 2017 FIMI Federazione Industria Musicale Italiana (platinum disk + 50,000 copies sold)
  • 9 May 2017 FIMI Federazione Industria Musicale Italiana (double platinum disc + 50,000 copies sold)
  • 9 May 2017 FIMI Federazione Industria Musicale Italiana (triple platinum disc + 50,000 copies sold)

Track listings:

  • 1 | Polaroid Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo (2 Extract)
  • 2 | Sei mia Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo
  • 3 | Perdo le parole – Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo (1 Extract)
  • 4 | Balla con me – Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo (3 Extract)
  • 5 | Ti luccicano gli occhi Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo
  • 6 | Replay Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo
  • 7 | Diverso Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo

Polaroid

Fermo il motore, tu ferma il momento
Ma fallo davvero e non dallo schermo
Spazio finito che adesso ci serve
È tutto stupendo e non dura per sempre


Mano al volante, con l’altra ti tengo
Dita e specchietti che tagliano il vento
Rendi l’istante da impresso a reale
Non più digitale


Frammenti sfocati dispersi nel cielo
Mentre parli di noi
Respira, chiudi gli occhi e scatta e scatta


Riflessi infuocati filtrati dal cielo
Mentre parli di noi
Respira, chiudi gli occhi e scuoti
La polaroid


Scatti che scorri che poi non cancelli
Che scatti veloce, che poi non ci pensi


Mano al volante, con l’altra ti tengo
Dita e specchietti che tagliano il vento
Rendi l’istante da impresso a reale
Non più digitale


Frammenti sfocati dispersi nel cielo
Mentre parli di noi
Respira, chiudi gli occhi e scatta e scatta


Riflessi infuocati filtrati dal cielo
Mentre parli di noi
Respira, chiudi gli occhi e scuoti
La polaroid


Trattieni il futuro pensandolo adesso
Perdona il passato e fai tutto più intenso
Ai lati orizzonti che acquistano senso
Ora è tutto perfetto


Frammenti sfocati dispersi nel cielo
Mentre parli di noi
Respira, chiudi gli occhi e scatta e scatta
Riflessi infuocati filtrati dal cielo
Mentre parli di noi
Respira, chiudi gli occhi e scuoti
La polaroid
La polaroid

Writers: Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo


Sei mia

È buio e piove e quindi tutti dentro
in coda senti il tempo e non il freddo
in quel locale in centro di Milano e di modelle
Che riflette la tendenza a shorts e chiodi in pelle


A un tratto entra quella che vorresti
Liti, frasi sconce e sguardi persi
Ragazza da top copertina e mai troppo coperta
Che ti fa girare indietro e poi girar la testa


Parigine come amiche e sulle gambe
E lo sguardo da diva provocante
Ho occhi solo per te, hai occhi solo per te
Parigine come amiche e sulle gambe
E lo sguardo da diva provocante
Ho occhi solo per te, per te


Se so che stasera sei mia chi o cosa tu sia
Ti guardo e non lo ammetto, ti guardo
E so che stasera sei mia chi o cosa tu sia
Ti guardo e non la smetto e tutto
Trema alla tua voce che mi tocca più veloce poi
Mi tocca stare al gioco perché poi manca poco e so che
Stasera sei mia chi o cosa tu sia
Ti guardo e non la smetto


Guarda con indifferenza intorno
La differenza è tutta nel suo corpo
Un po’ di trucco giusto appena attorno agli occhi
Il trucco di sapersi bella e che tanto ti volti


Parigine come amiche sulle gambe
E lo sguardo da diva provocante
Ho occhi solo per te, hai occhi solo per te
Parigine come amiche sulle gambe
E lo sguardo da diva provocante
Ho occhi solo per te, per te se so che
Stasera sei mia chi o cosa tu sia
Ti guardo e non lo ammetto ti guardo e so che
Stasera sei mia chi o cosa tu sia
Ti guardo e non la smetto e tutto
Trema la tua voce che mi tocca più veloce
Poi mi tocca stare al gioco perché poi manca poco e so che
Stasera sei mia chi o cosa tu sia
Ti guardo e non la smetto
E so che sei mia
E che stasera tu sei mia
E che stasera tu sei mia
E che stasera tu sei mia


Prima senti poi mi tenti sperimenti menti ritenti
E vai e vai e vai e vai
Prima senti poi mi tenti sperimenti menti ritenti
E vai più giù e vai più giù
Se so che stasera sei mia chi o cosa tu sia
Ti guardo e non lo ammetto
Ti guardo e so che
Stasera sei mia chi o cosa tu sia
Ti guardo e non la smetto e tutto
Trema la tua voce che mi tocca più veloce
Poi mi tocca stare al gioco
Perché poi manca poco e so che
Stasera sei mia chi o cosa tu sia
Ti guardo e non la smetto
E so che sei mia
E che stasera tu sei mia
E che stasera tu sei mia
E che stasera tu sei mia
E che stasera tu sei mia mia mia

Writers:Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo


Perdo le parole

La corsa con te in braccio fatta per le scale
Confondere lo zucchero al posto del sale
E ridere di niente che poi ci porta a foto di noi
Ad un selfie venuto male


La pioggia allunga il cocktail fatto per restare
Ed il tuo mondo vola intanto il ghiaccio cade
Tu piano ti addormenti che poi ti porto dentro se vuoi
Mentre ti resto a guardare


Dimmi qualcosa qualcosa che resta
Senza fare di più che la scena è perfetta
Se quando ti guardo è già tutto migliore
Perdo le parole


Prova con gli occhi a dirmi ciò che non riesci
Quando al centro sei tu con i tuoi movimenti
Se quando capisco che esiste l’amore
Perdo le parole


Alzi la radio e quindi abbassi lo schienale
E piazza della scala sembra decollare
Ti porto le mani sugli occhi ed aspetta a parlare
Sì ma non sbirciare


Spazi immensi spazio tempo e temporale
Le gocce si rincorrono sulle vetrate
Hai da finire ancora quel film ma amore è tardi stai qui
Se no ti svelo il finale
Dimmi qualcosa qualcosa che resta
Senza fare di più che la scena è perfetta
Se quando ti guardo è già tutto migliore
Perdo le parole


Prova con gli occhi a dirmi ciò che non riesci
Quando al centro sei tu con i tuoi movimenti
Se quando capisco che esiste l’amore
Perdo le parole
E perdo le parole
E perdo le parole
E perdo le parole


Dimmi qualcosa qualcosa che resta
Senza fare di più che la scena è perfetta
Se quando ti guardo è già tutto migliore


Prova con gli occhi a dirmi ciò che non riesci
Quando al centro sei tu con i tuoi movimenti
Se quando capisco che esiste l’amore
Perdo le parole
E perdo le parole
E perdo le parole
E perdo le parole
Perdo le parole

Writers:Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo


Balla con me

Cosa ti manca
Adesso che è estate
Luce intorno che va un po’ più giù
Quando si balla
Tu lasciati andare
Prima piano e poi tanto di più


Parto che fa tardi, un party sulla spiaggia
Il sole che ci lascia e resta in mezzo all’acqua
Vento in diagonale che cambia e torna uguale
La musica che sale


Balla con me, balla con me
Balla con me, balla con me, balla con me


Sento il cuore che batte
In questa notte infinita
Non ti fermare voglio ballare
Voglio restare qui insieme a te
Ogni secondo che passa
Ogni momento è più bello
Prova a stupirmi emozionarmi
Dimmi amore balla con me


Balla con me, balla con me
Balla con me, tu balla con me


Cosa ti manca
Stanotte è perfetta
Che si accende lì dove sei tu
E dove si balla
E sembra di stare
Prima in alto e poi sempre più su


Parto che fa tardi, un party sulla spiaggia
Il sole che ci lascia e resta in mezzo all’acqua
Vento in diagonale che cambia e torna uguale
La musica che sale


Sento il cuore che batte
In questa notte infinita
Non ti fermare voglio ballare
Voglio restare qui insieme a te
Ogni secondo che passa
Ogni momento è più bello
Prova a stupirmi emozionarmi
Dimmi amore balla con me


E balla con me e balla con me
E balla con me e balla con me


Adesso aspetta ancora
È tutto nei tuoi movimenti se ora
Tu non ti fermi mai
E adesso aspetta ancora


È tutto nei tuoi movimenti se non ti fermi mai
Sento il cuore che batte
In questa notte infinita
Non ti fermare voglio ballare, voglio restare qui insieme a te
Ogni secondo che passa
Ogni momento è più bello
Prova a stupirmi emozionarmi
Dimmi amore balla con me


Balla con me, balla con me
Balla con me, tu balla con me

Writers:Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo


Ti luccicano gli occhi

Alzi lo sguardo che si finge disperato
Perché invidioso di chi porta a sé l’amore
E deride e prende in giro in giro sente
La compassione per la gente che lo ha ormai gettato


Giri di parole, parole a mezza voce
Parole che provengono dal cuore
Spoglie di rinneghi, a volte senza tempo
A volte che provvedono ai ripieghi


Ti fermi e aspetti,
Ti luccicano gli occhi
E poi provi a guardare lo stesso


Chi se ne frega se va avanti
Tanto vale andare indietro
Ti accorgi di un rumore solo quando si ferma
Rimane ciò che vedi e intorno tutto é spento
Invece tu pretendi che stia bene se ti parlo
Quando poi quando poi ti luccicano gli occhi


Il sole del mattino ti sveglia vuoi dormire
Copre i peccati sotto il tuo cuscino
Lasci ciò che ottieni volendo ormai l’opposto
Cammini e parli sempre di nascosto
Ti perdi e poi cadi sei stanca per rialzarti
Ma non riesci a fermarti lo stesso


Chi se ne frega se va avanti
Tanto vale andare indietro
Ti accorgi di un rumore solo quando si ferma
Rimane ciò che vedi e intorno tutto è spento
Invece tu pretendi che stia bene se ti parlo
quando poi quando poi ti luccicano


Ma se alla fine ci parliamo
Quella volta che va bene
Rispondi e non riattacchi
O riattacchi a insultare
Quella volta che va bene
Che riesci a trattenerti
È quella in cui ti luccicano gli occhi


Provi a incrociare con lo sguardo chi ti ama
E ti incoraggia a risalire senza fretta
Non è sincero il tuo sorriso e sa che in fondo
Com’eri forte prima adesso sai
Ti luccicano gli occhi


Chi se ne frega se va avanti
Tanto vale andare indietro
Ti accorgi di un rumore solo quando si ferma
Rimane ciò che vedi e intorno tutto è spento
Invece tu pretendi che stia bene se ti parlo
Quando poi quando poi ti luccicano gli occhi

Writers:Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo


Replay

I love you, I hate you, I’m sorry
Distinguo ciò che ho perso da ciò che vorrei
I love you, I hate you, I’m sorry
Riguardi indietro e aspetti cercando un Replay


Lascia le valigie e i documenti
Contrasti di Londra dai toni spenti
Come le ballerine viste ieri al Fay
La dici che le scrivi ma poi non lo fai


Ragazza di Chelsea in salopette
Vista all’entrata dentro al hotel
Mi chiede se usciamo traduco distratto
Non posso lo giuro tra poco riparto
Dal vetro i paesaggi che passano
Si gettano indietro a mi mancano
Istanti che lenti si adattano
Se vuoi… (se vuoi)


Ricordi distorti che corrono
Si fermano e poi si nascondono
Mi scrivi in Inglese qualcosa che parla di noi


I love you, I hate you, I’m sorry
Distinguo ciò che ho perso da ciò che vorrei
I love you, I hate you, I’m sorry
Riguardi indietro e aspetti cercando un Replay


Contorni fluorescenti senza colore
Si chiudono le porte dell’ascensore
Come le ballerine viste ai party night
L’errore lo capisci solo quando vai
Mi chiedi se torno ma non lo so
Gambe incrociate sulla chaise longue
Guance rigate dai pianti a mascara
Occhi a diamante la pelle più chiara
Dal vetro i paesaggi che passano
Si gettano indietro a mi mancano
Istanti che lenti si adattano
Se vuoi… (se vuoi)


Ricordi distorti che corrono
Si fermano e poi si nascondono
Mi scrivi in Inglese qualcosa che parla di noi


I love you, I hate you, I’m sorry
Distinguo ciò che ho perso da ciò che vorrei
I love you, I hate you, I’m sorry
Riguardi indietro e aspetti cercando un Replay

Writers:Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo


Diverso

Stiamo sempre a sentire
mai ad ascoltare
non stiamo più attenti a sorridere, amare
a un sospiro, un lamento, a un incontro per caso
a un amico ferito che ci tende la mano


Ma sbagliamo a parlare
scriviamo con gli hashtag
cultura dell’icona, lingua di chi chatta
un pallino che ride su una foto in bianco e nero
ma mi faccia vedere che faccia ha davvero


C’è chi siede o si crede di essere arrivato
e gioca sui social ad essere invidiato
è importante quanti sono, è importante che gli piaccio
la foto con la paglia e la figura da pagliaccio


Ma sentiamo qualcosa che non ci appartiene
fingiamo che in fondo ci possa andare bene
il cuscino di un albergo
il cioccolato dell’avvento
il segnale che muore all’alzarsi del vento


Siamo bravi a cambiare
o a cambiare del resto
siamo bravi a scambiare
un’idea in un pretesto
trasmettiamo del bene
e mai un singolo gesto
è da oggi che si trasmette
un programma diverso
diverso diverso diverso
diverso diverso diverso…


Sul giornale lo specchio di ciò che è rimasto
una borsa di lusso vicino a un disastro
una bomba di lutto e gente senza tetto
il sorriso difettato da una bava di rossetto
è giusto pensarla già prima così
siamo vittime adatte per l’effetto chic
una cosa più costa più viene apprezzata
una donna più è cosa più viene ammirata


Siamo bravi a cambiare
o a cambiare del resto
siamo bravi a scambiare
un’idea in un pretesto
trasmettiamo del bene
e mai un singolo gesto
è da oggi che si trasmette
un programma diverso
diverso diverso diverso
diverso diverso diverso…


Dopo la serata, beh tutto apposto
un post di quel posto
lo posto apposta
qui sembro felice ma sono l’opposto
qui sembro ubriaco ma è l’ultima volta
pubblichi foto di gente e ricordi
pubblichi foto che non ti ricordi
ci metti un contorno di filtri contorti
e dai sotto una frase di Jovanotti


Siamo bravi a cambiare
o a cambiare del resto
siamo bravi a scambiare
un’idea in un pretesto
trasmettiamo del bene
e mai un singolo gesto
è da oggi che si trasmette
un programma diverso
diverso diverso diverso
diverso diverso diverso…

Writers: Riccardo Marcuzzo, Riccardo Scir Scapuzzo

Enable Notifications OK No thanks