Vai al contenuto
Home » Peter Pan (album)

Peter Pan (album)

Pubblicità

Artist: Ultimo
Released: February 9, 2018
Genre: Pop
Language:Italian
Label: Honiro
Prize:

  • February 9, 2018 Federazione Industria Musicale Italiana (Golden Disc + 25,000 copies sold)
  • February 9, 2018 Federazione Industria Musicale Italiana (Platinum record + 50,000 copies sold)
  • February 9, 2018 Federazione Industria Musicale Italiana (Double platinum record + 100,000 copies sold)
  • February 9, 2018 Federazione Industria Musicale Italiana (Triple platinum +150,000 copies sold)

Track listings:

  • 1 | Buon viaggio – Niccolò Moriconi
  • 2 | Canzone stupidaNiccolò Moriconi
  • 3 |La stella più fragile dell’universo – Niccolò Moriconi
  • 4 | Cascare nei tuoi occhi Niccolò Moriconi (3 Extract)
  • 5 | Poesia senza veli – Niccolò Moriconi (2 Extract)
  • 6 | Il ballo delle incertezze – Niccolò Moriconi (1 Extract)
  • 7 | Peter Pan (Vuoi volare con me?) – Niccolò Moriconi
  • 8 | Dove il mare finisce Niccolò Moriconi
  • 9 | Le stesse cose che facevo con te Niccolò Moriconi
  • 10 | Ti dedico il silenzio – Niccolò Moriconi (4 Extract)
  • 11 | Domenica – Niccolò Moriconi
  • 12 | Vorrei soltanto amarti – Niccolò Moriconi
  • 13 | Il vaso Niccolò Moriconi
  • 14 | La casa di un poeta (Piano Live Studio) – Niccolò Moriconi
  • 15 | Farfalla bianca (Piano Live Studio) – Niccolò Moriconi
  • 16 | Forse dormirai Niccolò Moriconi

Buon viaggio 

Fai buon viaggio e torna solo se hai un pretesto
Gira il mondo, non importa in quanto tempo
Fai buon viaggio e non temere, sarò onesto
Sarò il vento che ti scrolla l’ansia di dosso

Fai buon viaggio e butta quelle sigarette
Perché meriti di vivere per sempre
E corri forte fra i lampioni quando è sera
Fai buon viaggio e torna quando è primavera

Io non so se domani tornerai
Però so che ho lasciato dentro lei
Solo un po’ della mia amara incomprensione
Anche un po’ di risate col tuo odore

Na, ni na, ni na, ni na
Hm, hm hm hm, hm

Fai buon viaggio e non provare mai rancore
Io aspetto a dirti mi mancano due ore
E abbi cura dei tuoi occhi oggi che è festa
Poi ritorna perché non posso fare senza

Fai buon viaggio e custodisci il tuo giardino
E tra le siepi lascia un posto per un pino
E tra cent’anni sarà forte come il sogno
Di te che torni e dici: amore mio, buongiorno

Hm, io non so se domani tornerai
Però so che ha lasciato dentro lei
Solo un po’ della mia amara incomprensione
Forse anche un po’ di risate col tuo odore

Na, ni na, ni na, ni na
Hm, hm hm hm, hm

Writers: Niccolò Moriconi


Canzone stupida

Wuoh oh oh oh, wuoh oh oh, oh
Wuoh oh oh, oh, wuoh oh oh oh
Wuoh oh oh oh, wuoh oh oh, oh
Wuoh oh oh, oh, oh

Avessi avuto solo un briciolo di dignità
Ti avrei mandata a fare in culo quattro mesi fa
Quando mi hai detto: Mi piaci, ma non troppo
E mi piaci, ma non voglio
Mi piaci, ma non proprio

Vorrei parlarti ma non so nemmeno io di che, eh, eh
Vorrei parlarti ma non so nemmeno io perché, eh, eh

Posso avere un momento?
Per parlarti con sincerità
In un tavolo al centro
Tra la gente che viene e che va

Canzone stupida
Canzone stupida
Come me, come quello che scrivo, oh
Canzone stupida
Canzone stupida
Come te, come ogni tuo respiro

Wuoh oh oh oh, wuoh oh oh oh
Wuoh oh oh, oh, wuoh oh oh oh

Avessi avuto solo un briciolo di dignità
Ti avrei mandata a fare in culo un anno fa
Quand’ho capito che hai il cervello di una zanzara
E vuoi fare la colta universitaria

Vorrei parlarti ma non so nemmeno io di che, eh, eh
Vorrei parlarti ma non so nemmeno io perché, eh, eh

Posso avere un momento?
Per parlarti con sincerità
In un tavolo al centro
Tra la gente che viene e che vaCanzone stupida
Canzone stupida
Come me, come quello che scrivo, oh
Canzone stupida
Canzone stupida
Come te, come ogni tuo respiro

Wuoh oh oh oh, wuoh oh oh oh
Wuoh oh oh, oh, wuoh oh oh, oh
Wuoh oh oh oh, wuoh oh oh oh
Wuoh oh oh, ohSì sono un poco sbadata
E sì sono sempre ubriaca
E tu mi stai sul cazzo quando parli in quel tuo modo
Come fossi una principessa
Com’è che invece sto al parchetto con ‘sta gente, sempre la stessa?

Posso avere un momento?
Per parlarti con sincerità
In un tavolo al centro
Tra la gente che viene e che va

Canzone stupida
Canzone stupida
Come me, come quello che scrivo, oh
Canzone stupida
Canzone stupida
Come te, come ogni tuo respiro

Wuoh oh oh oh, wuoh oh oh oh
Wuoh oh oh, oh, wuoh oh oh oh, oh
Wuoh oh oh oh, wuoh oh oh oh
Wuoh oh oh, oh, wuoh oh oh oh

Writers: Niccolò Moriconi


La stella più fragile dell’universo 

Che poi mi piace anche quando non parli
E canti sottovoce quei tuoi ritornelli
Mentre tra le dita rinchiudi i capelli
Comunque con te, comunque con te
Quando mi dici: “Mi vedo sbagliata”
Invece sei come io ti ho disegnata
Tu che rimani anche appena sei andata
Comunque con te, comunque con te

Mi piacerebbe portarti in collina
Vedere il mondo come si declina
Portarti più in alto, più su delle nuvole
Tu che profumi di sogni e di fragole

Se riniziasse un’altra vita
Non chiederei che fosse infinita
Mi basterebbe sapere che esisti
Che è lo stesso il profumo che indossi
E se non mi conoscessi farei come ho fatto
Dirti che ti aspetto in un posto perfetto
Che poi io di perfetto non ho proprio niente
Divento perfetto se ti ho tra la gente
Comunque con te, comunque vada con te

Comunque vada con te
Comunque vada con te
Comunque vada con te

Sono pesante, lo dico a me stesso
Troppo romantico e prima o poi casco
Ma me ne sbatto di tutta sta gente
Che non da peso alle cose importanti
Che poi l’amore se in fondo ci pensi
È l’unico appiglio in un mondo di mostri
E tu lo descrivi in un modo pazzesco
Tu lo rinchiudi in un solo tuo gesto

Mi piacerebbe lanciarti nel cielo
Vedere il tuo corpo che pian piano sale
Collocarti nel posto più giusto
La stella più fragile dell’universo

E se riniziasse un’altra vita
Io non chiederei che fosse infinita
Mi basterebbe sapere che esisti
Che è lo stesso il profumo che lasci
E se non mi conoscessi farei come ho fatto
Dirti che ti aspetto in un posto perfetto
Che poi io di perfetto non ho proprio niente
Divento perfetto se ti ho tra la gente
Comunque con te, comunque vada con te

Comunque vada con te
Comunque vada con te
Comunque vada con te
Comunque con te

Writers: Niccolò Moriconi


Cascare nei tuoi occhi 

Ehi, vorrei conoscerti quando è mattina
Dirti la sera: “Ti prego, spegni la luce”
Vorrei svegliare con te il mio vicino
Per il casino e non dargli mai pace

Ma non è facile
Neanche difficile
Forse è impossibile
Sicuro instabile, mh

Vorrei lasciare sul tuo comodino
Un caffè caldo per ogni mattina
Vedere che ti svegli d’improvviso, poi
Chiudi gli occhi e fingi di dormire

E non è facile
Neanche difficile
Forse è impossibile
Sicuro instabile, mh

Ma poi mi parli dei tuoi drammi
E dei tuoi genitori
Che sono assenti e non li vedi
Da anni migliori
E poi mi parli di tuo padre, quanto è stronzo a cena
Che quando parli non ti guarda e non pone il problema

Ed io che invece vorrei solo averti più vicino
Cascare nei tuoi occhi e poi vedere se cammino
Che sono grandi come i dubbi che mi fanno male
Ma sono belli come il sole dopo un temporale

E poi ti penserò
E poi ti penserò
E poi ti perderò
E poi ti perderò

Oh, oh, oh
Naranana, nana, nana
Oh, oh, oh
Naranana, nana, nana

Vorrei spiegarti che fuggire non serve
Se nessun posto è abbastanza lontano
Se nessun posto è abbastanza lontano da te, eh

Vorrei parlarti ma non riesco mai a farlo
E rovinare tutto quello che è stato
Che a volte le parole sono un inganno
Sono i rimorsi di chi se n’è andato

E non è facile
Neanche difficile
Forse è impossibile
Sicuro instabile, mh, mh

Ma poi mi parli dei tuoi drammi
E dei tuoi genitori
Che sono assenti e non li vedi
Da anni migliori
E poi mi parli di tuo padre, quanto è stronzo a cena
Che quando parli non ti guarda e non pone il problema

Ed io che invece vorrei solo averti più vicino
Cascare nei tuoi occhi e poi vedere se cammino
Che sono grandi come i dubbi che mi fanno male
Ma sono belli come il sole dopo un temporale

E poi ti penserò
E poi ti penserò
E poi ti perderò
E poi ti perderò

Oh, oh, oh
Naranana, nana, nana
Oh, oh, oh
Naranana, nana, nana

Writers: Niccolò Moriconi


Poesia senza veli 

E quando il mondo ti schiaccia provaci anche tu
Tira fuori il bimbo che hai dentro, non nasconderlo più
E ti ho portato due fiori, uno sono io e l’altro sei tu
E vorrei essere anch’io bello come sei bella tu

Ehi, sai è difficile restare calmi
Sei la certezza in cui ripararmi
La luce filtra tra gli alberi spogli
Ma il sole è nulla in confronto ai tuoi occhi
Tu sei la prima missione compiuta
Sei il desiderio che muta è riuscita
È una poesia senza veli
Io vivo con i tuoi piedi
Io vivo e grazie a te se sto in piedi
E non ci credi?

Prova ad aspettarmi nel fiore
Più nascosto del mondo
E sarò li prima di te
Non è amore, è solo conoscerti a fondo
Scusa il disordine, è che mi confondo
Ma tu sei troppe cose insieme
Non riesco a scrivere bene
Non riesco e scrivo quello che viene

E quando il mondo ti schiaccia provaci anche tu
Tira fuori il bimbo che hai dentro, non nasconderlo più
E ti ho portato due fiori, uno sono io e l’altro sei tu
E vorrei essere anch’io bello come sei bella tu

Woh oh oh, woh oh oh, woh, woh, oh, oh
Woh oh oh, woh oh oh, woh, woh, oh, oh

Ehi, qualcosa per i tuoi giorni
Quando ti chiamo e ti chiedo
Più o meno per che ora ritorni?
E tu sei nel traffico e strilli
Perché ti senti incastrata
Però poi torni e sorridi
Perché sai che in fondo è passata
Io lo capisco
Che a volte ti manca tuo padre
Io nei tuoi occhi lo leggo
Vorresti avere avuto un Natale
Non tanto per un regalo
Ma per sentirti un regalo
Che per qualcuno vali
E sei il diamante più raro
Per me sei questo
Per me sei questo e altro
E non nascondere le lacrime
Che tanto scendono in basso
Tu falle cadere fino
A che non diventano fango
Poi ritorna in quel posto
Ci sarà una rosa e sarà maggio
Vorrei che ti guardassi con i miei occhi
Vorrei che ti ascoltassi con i miei sogni
Sai la mia vita è soltanto un insieme di sogni
E tu sei l’unica parte reale che voglio nei giorni, ehi

E quando il mondo ti schiaccia provaci anche tu
Tira fuori il bimbo che hai dentro, non nasconderlo più
E ti ho portato due fiori, uno sono io e l’altro sei tu
E vorrei essere anch’io bello come sei bella tu

Woh oh oh, woh oh oh, woh, woh, oh, oh
Woh oh oh, woh oh oh, woh, woh, oh, oh
Woh oh oh, woh oh oh, woh, woh, oh, oh
Woh oh oh, woh oh oh, woh, woh, oh, oh

Writers: Niccolò Moriconi


Il ballo delle incertezze 

Ho perso tempo per guardarmi dentro e
Ho sistemato qualche mia abitudine
Ma poi la sera che arrivava ed io

Mi chiedevo dov’è il senso
Se c’è un senso a tutto questo

Ho perso tempo per guardarti dentro e
Ti ho dedicato il cuore tra le pagine
Ma poi la sera che arrivava ed io
Mi chiedevo dov’è il senso, se c’è un senso a tutto questo

Senti
Non c’è bisogno di parlare
Dalla serranda scende il sole
E noi ci siamo accontentati

Ma ci sarà
Il ballo delle incertezze
Ci sarà
Un posto in cui perdo tutto
Che per stare in pace con te stesso e col mondo
devi avere sognato almeno per un secondo

E ci sarà
Tra la gente che aspetto
Chiunque ha
Rischiato tutto ed ha perso
Che per stare in pace con te stesso e col resto
puoi provare a volare lasciando a terra te stesso
Ho camminato in equilibrio su di me
Mischiando il tuo sorriso alle mie lacrime
Ma la coscenza non si spegne ed io
Mi chiedevo dov’è il senso, se c’è un senso a tutto questo e
Ho respirato sui tuoi battiti lenti e
Adesso vivi, si ma dentro un’immagine
Ricordo c’era il vento ed io
Mi chiedevo dov’è il senso
Se c’è un senso a tutto questo

E ci sarà
Il ballo delle incertezze
E ci sarà
Un posto in cui perdo tutto
Che per stare in pace con te stesso e col mondo
Devi avere sognato almeno per un secondo

E ci sarà
Tra la gente che aspetto
Chiunque ha
Rischiato tutto ed ha perso
Che per stare in pace con te stesso e col resto
Puoi provare a volare lasciando a terra te stesso

Sono i momenti quelli persi a dare un senso forse
Mi chiedi perché sono fragile
Sono diverso forse
Ero un bambino e stavo in cortile respiravo piano
Ho sempre rinchiuso vita e sogno nel palmo della mano
Sono presente ancora oggi al ballo delle incertezze
Dove ti siedi e più sei poco e più ti senti grande
Incontro me stesso e poi gli chiedo se vuole ballare
ferma la musica che il silenzio adesso sa parlare

Oh!

E ci sarà
Il ballo delle incertezze
E ci sarà
Un posto in cui perdo tutto
Che per stare in pace con te stesso e col mondo
Devi avere sognato almeno per un secondo

E ci sarà
Tra la gente che aspetto
Chiunque ha
Rischiato tutto ed ha perso

Che per stare in pace con te stesso e col resto
Puoi provare a volare lasciando a terra te stesso

Writers: Niccolò Moriconi


Peter Pan (Vuoi volare con me?)

Ho di nuovo invertito le rotte
Il mondo corre ed io fermo distante
Sognatore di grandi promesse
Io ancora scappo dall’essere grande
Ho provato a nuotare tra gli altri e
Vivere il giorno tra impegni e ritardi
Avere un ruolo fra i tanti di tutti
Sentirmi parte di un gruppo

Vuoi volare con me?
Vuoi volare con me?
Vuoi volare con me?
Vuoi volare con me?

Come Peter Pan
Peter Pan
Peter Pan
Peter Pan
Come Peter Pan

Mi sento appeso ad un filo lontano che
Che se lo seguo non so dove arrivo e
Ho chiesto al vento di essere bravo
Portarmi altrove per sentirmi vivo
Io provo a vivere quello che trovo
Ma poi, ma poi mi pento e ritorno di nuovo
In questo posto in cui volano stelle
E se alzi il braccio puoi prenderle tutte
Qui dove non potrò perdere il sogno perché
E’ troppo vero per essere distrutto
Io no, io non ci torno, ho giurato a fatica
Io resto qui fino alla prossima vita
Intanto volo e c’è un fiume qui sotto
Mi porta verso il tuo atteso ritorno
Ti segue e tu sei già pronta a volare
Ti prendo, siamo parte del mare

Vuoi volare con me?
Vuoi volare con me?
Vuoi volare con me?
Vuoi volare con me?

Come Peter Pan
Peter Pan
Peter Pan
Peter Pan
Come Peter Pan
Peter Pan
Peter Pan
Peter Pan
Come Peter Pan

Writers: Niccolò Moriconi


Dove il mare finisce 

Vorrei sapere se c’è una parte che resta in questa parte di te
È una vita che aspetto con in mano il perché
È la strada più giusta quella senza di me
Mentre l’anima scende

Vorrei sapere se c’è una parte che resta in questa parte di noi
Io vorrei solo averti anche col senno di poi
È la strada più assurda questa senza di te
Mentre il vuoto riempie

E sai che non mi sento importante, anzi son fragile
È la paura che insiste
E sai che non ho un posto nel mondo
Quindi cercarmi dove il mare finisce

Vorrei sapere se c’è una frase da dire, sai è difficile
Siamo biglie nel vento senza regole
È la strada più giusta quella senza di me
Mentre l’anima scende

Vorrei sapere perché per la gente l’amore è un posto semplice
Io che scappo da noi per ritrovare me
È la strada più assurda quella senza di te
Mentre il vuoto riempie

E sai che non mi sento importante anzi, son fragile
È la paura che insiste
E sai che non ho un posto nel mondo
Quindi cercarmi dove il mare finisce

E non c’è un posto per te e non c’è un posto per noi
Dimmi che aspetti la vita che io stesso vorrei
E non c’è un posto lo sai, resta un momento se vuoi
Svuota il destino come un giorno che non tornerà mai

Sai che non mi sento importante anzi, son fragile
È la paura che insiste
Sai che non ho un posto nel mondo
Quindi cercarmi dove il mare finisce

Writers: Niccolò Moriconi


Le stesse cose che facevo con te 

Le stesse che facevo con te
Ora mi sembrano stupide
Andare a bere di sera in quel posto isolato
Che se c’eri tu affianco sembrava il mercato
Sembrava il mercato
Le stesse che facevo con te
Ora lei vuole ripeterle
Entra in macchina urlando le nostre canzoni
Ed io che in silenzio sorrido e la guardo
E poi mi sento un vigliacco perché
Anche io le canto
Per non farle capire che già penso ad altro
Che già penso ad altro

Ma lei mi sembra così stupida
Eri te la vera musica
E lei mi sembra così stupida
Eri te la vera musica
E lei mi sembra così stupida
Eri te la vera musica

Le stesse cose che facevo con te
Ora mi sembrano stupide
Lei che parla di tutto in quel modo formale
E tu che a malapena sapevi parlare
Lei che dice: Fumare fa male, è sbagliato
Tu che mi reggevi quando ero ubriaco
Lei che dice: Vorrei render fiero mio padre
Tu invece piangevi per averlo incontrato
Per averlo incontrato

Ma lei mi sembra così stupida
Eri te la vera musica
E lei mi sembra così stupida
Eri te la vera musica
E lei mi sembra così stupida
Eri te la vera musica

Nanananana, na, nana
Nanananana, na, nana

E lei mi sembra così stupida
Eri te la vera musica
E lei mi sembra così stupida
Eri te la vera musica

Writers: Niccolò Moriconi


Ti dedico il silenzio 

C’è un’aria strana stasera
E torno a casa in silenzio
Tra i rumori del traffico
E il telefono spento
E la gente mi guarda
Ma non ho niente di vero
Io che basta pensarti e già mi manca il respiro

È da tempo che lo cerco questo tempo che mi manca
È da tempo che sai penso che anche il tempo non mi basta

So quanto costa per te
Ma cerco solo un motivo
Per sentirmi vivo e non è semplice
So quanto pesano in te quelle paure lontane
Meriti anche tu un posto da visitare, hm hm hm
Hm hm hm hm

C’è un’aria strana nel cielo
Esco da casa in silenzio
Non è ancora neanche l’alba, ma a dormire non ci penso
Io cerco solo di capirti
E la notte non ci dormo
Se soltanto avessi pace saprei essere come loro

È da tempo che lo cerco questo tempo che mi manca
È da tempo che sai penso che anche il tempo non mi basta

So quanto costa per te
Ma cerco solo un motivo
Per sentirmi vivo e non è semplice
So quanto pesano in te quelle paure lontane
Meriti anche tu
Un posto da visitare

E ti dedico il rumore
Di queste inutili parole
Un quadro senza il suo colore
Che è andato via volare altrove
Io ti dedico il silenzio, tanto non comprendi le parole
Questa sera provo a farlo
Questa sera io ti chiamo
E tanto tu non mi rispondi
E tanto poi se mi rispondi
Dici che non siamo pronti

Ed io so quanto costa per te
Ma cerco solo un motivo
Per sentirmi vivo e non è semplice
So quanto pesano in te quelle paure lontane
Meriti anche tu un posto da visitare

Wouh oh oh, na na na na, na nai na, na nara nai nana
Wouh oh oh, oh oh
Meriti anche tu un posto da visitare

Writers: Niccolò Moriconi


Domenica 

È già domenica almeno qui dentro
In questa casa in cui tu mi hai promesso
Di essere sempre per sempre
Sempre una parte di quello che in fondo non perdo
È già domenica e non ce la faccio
Guardo il soffitto e pian piano ci parlo
Per te va sempre tutto bene
Non ti accorgi delle crepe che si formano sulla parete
Vorrei sapere che mi manca ora
Ora che ho tutto quello che volevo

Ma c’è qualcosa che mi manca ancora
Forse riavere di te il desiderio

E guarda amore io ti dico
Sono solo e triste lo hai capito
E tu rispondi “Aspetta” dopo un mese
“sono dimagrita, non si vede”
Io “Sì dai forse un po’ si vede”
Ma mi sento vuoto, che succede?
Tu continui a dire che sei felice
Ed io che in imbarazzo sposto il piede
No, non sei più parte di quello che c’è
No, non sei più parte di quello che c’è

È già domenica e sono già sveglio
Ti sento e parli con le amiche ridendo
Provo a chiamare Alessandro dal letto
Ma è troppo presto e ha il telefono spento
È ora di pranzo e mi alzo dal letto
C’è il gatto, almeno lui sa cosa sento

Tu esci dal bagno di corsa
Dici “stasera ho una pizza c’è mia sorella che torna”
Vorrei sapere che mi manca ora
Ora che ho tutto quello che volevo
Ma c’è qualcosa che mi manca ancora
Forse riavere di te il desiderio

E guarda amore io ti dico
Sono solo e triste lo hai capito
E tu rispondi “Aspetta” dopo un mese
“sono dimagrita, non si vede”
Io “Sì dai forse un po’ si vede”
Ma mi sento vuoto, che succede?
Tu continui a dire che sei felice
Ed io che in imbarazzo sposto il piede
No, non sei più parte di quello che c’è
No, non sei più parte di quello che c’è

Writers: Niccolò Moriconi


Vorrei soltanto amarti 

Tu che respiri troppo in fretta
E la paura non ti passa
Resti sbagliata ma è lo stesso
Tanto sai che poi rimango
Abbiamo avuto troppe cose
Per due che in fondo come noi
Si sono spenti tempo fa
Colpa di quello che non sai
E mi resta un sogno dietro al cuore
Dove si incontrano persone
Io ho fatto quello che potevo
E il tuo silenzio lo capivo
Ma siamo biglie sulla sabbia
Senza una direzione vera
E seppure il vento la incoraggia
Non torna mai la primavera

Io vorrei soltanto amarti
Io vorrei soltanto amarti
Tra le nuvole e i diamanti
Io vorrei soltanto amarti
Io vorrei soltanto amarti
Io vorrei soltanto amarti
Tra le nuvole e i diamanti

Io vorrei soltanto amarti

E non c’è pace per noi due
Ognuno con le crisi sue
Tu che non sai mai cosa vuoi
Io che non voglio ma vorrei
E non c’è un modo per amarci
A cena insieme ma distanti
Le tue risposte sempre stanche
Le mie reazioni poco calme
Ma tu sei bella come il mondo
Quando la notte prende sonno
Io vorrei darti più di questo
Più di quel poco che è rimasto
Tu che indietreggi se io avanzo
E poi ritorni quando scappo
Siamo parole dette a caso
Da un pazzo che non gli dà peso

Io vorrei soltanto amarti
Io vorrei soltanto amarti
Tra le nuvole e i diamanti
Io vorrei soltanto amarti
Io vorrei soltanto amarti
Io vorrei soltanto amarti
Tra le nuvole e i diamanti
Io vorrei soltanto amarti

Oh oh
Nai nai na, nai nai na na, na na
Io vorrei soltanto amarti

Writers: Niccolò Moriconi


Il vaso 

C’era una volta un vaso
Viveva sopra il legno
Ed io l’ho conosciuto
E trattato da bimbo
L’ho dipinto di azzurro
Perché amavo le stelle
E riempito di fiori
Perché odiavo la morte
Abbiamo sempre scherzato
E preso in giro i passanti
Così stolti e banali
Chiusi nei loro ideali
Ma cosa c’è di più bello
Di un vaso che ti promette
Di proteggere i fiori
Che tu gli hai regalato

Ah, ah ah, nanana, na, hm

Ed un giorno quel vaso
Con un soffio di vento
Si ruppe e cadde per terra
Io provai a ricomporlo
Io credetti di farlo
E all’inizio mi illusi
Che sarebbe potuto
Tornare come era prima
In fondo tutto si aggiusta
Basta solo aspettare
Basta solo aspettare
Basta solo morire
Ma poi le piegature
Io cominciai a notarle
E il vaso mi accusava
Avrei dovuto fermare
Quel il soffio di vento
Che lo ha fatto cadere
Lui non è più felice
Ed io non riesco più ad amare

Ah, ah ah, nanana, na na na

E da questa esperienza
Ho appreso una cosa
Quando un vaso ti cade
Prendi scopa e paletta
Metti l’anima in pace

Ah, ah ah, nanana, na na na na na

Il vaso, na na na na, na
Il vaso che ho dipinto di azzurro
Il vaso che non è più come prima, no, no
Che non è più come prima, no
Il vaso non è più
Il vaso non è più
Il vaso non è più come prima
Il vaso non è più come prima
Non è più come prima, eh
Il vaso non è più, eh
E non è più come prima

Writers: Niccolò Moriconi


La casa di un poeta (Piano Live Studio) 

La casa di un poeta
Non ha quattro pareti
La casa di un poeta
Rispetta i suoi segreti
La casa di un poeta
È appesa ad una stella
E cerca nuovi fogli
Tra la noia e le scintille, hm

La casa di un poeta
A volte se ne va
Se ne va ma poi ritorna
Con una finestra in meno perché
Perché fa male ad un poeta
Guardare fuori dove tutto è com’è
Il manichino che ci casca
Maledetta la realtà

Sono le piccole emozioni
Le cose più importanti
E voglio viverle da solo
Per farle diventare grandi

Hm hm, hm hm hm, hm

La casa di un poeta
E una luna nel deserto
È un diamante in mezzo al fango
È il segreto di un bugiardo, ah ah ah
La casa di un poeta
Sai devi entrarci per capirlo
Capiresti che è da folli
Restare in mezzo ad uno stagno, hm hm

La casa di un poeta
In fondo è solamente un’invenzione
È la sera che confonde
E nasconde questo sole
Però la casa di un poeta
È lo spazio che da luce
Tra le foglie di una siepe, oh
E il bisogno di volare

Nai na, na nai, na na nai na nai na na, na
Na nai, nai na na

Sono le piccole emozioni
Le cose più importanti
E voglio viverle da solo
Per farle diventare grandi

Writers: Niccolò Moriconi

Farfalla bianca (Piano Live Studio) 

C’è una farfalla bianca che prova a nuotare
Ha l’aria di chi sa che il mondo mente
Vorrei darle di più di quel che posso dare
Farle sentire più di quel che sente
Hm hm, nai na, na

Si posa una farfalla sulla spalla
Oggi mi siedo e resto ad ascoltarla
Poi dice che non è più tempo di parlare
Che poi domani ha un’altra vita da incontrare
Dice: ti prego, mi porti al mare?
Avrei solo bisogno di capire
Se è giusto vivere quel che rimane

Ed io ti porterei
Io ti porterei
In un posto dentro
In un posto dentro
E io ti porterei
Io ti porterei
In un posto dentro
In quel posto dentro me

Si posa una farfalla sulla spalla ed io
Non posso darle altro se non un addio
Che il suo destino è fragile come la forza
Ma dice che oggi vola ed è li la ricchezza
Rinchiude in un minuto vent’anni di cose
Il tempo in fondo è quello che noi gli affidiamo
Di quelle ali tra cent’anni chissà che rimane
Mi dice: lascio ai bimbi il sogno di volare
Ma ora ti prego, mi porti al mare?
Qualsiasi posto purché sia altrove
Dove non servono più le parole

Ed io ti porterei
Io ti porterei
In un posto dentro
In un posto dentro
E io ti porterei
Io ti porterei
In un posto dentro
In quel posto dentro me, eh eh

Writers: Niccolò Moriconi


Forse dormirai

Ho paura di parlarti mentre il mondo dorme
Mentre la luna si alza ed il cielo l’accoglie
Ho paura perché sbaglio sempre le parole
Sono un bambino che si è perso e non saprà mai dove

È la mia stupidita fragilità
Quando rinchiudo fuori la realtà

E come si fa? Lasciarsi dietro la città
Io resto qua a bere qualcosa in questo stupido bar
Tu forse dormirai
Sì, adesso dormirai

Hai capito che non sono come tu credevi
Che mando sempre via chi mi teneva in piedi
In questa strada tu mi chiedi: “In me cosa ci vedi?”
Il cielo sta piangendo rumore sui vetri

È la mia stupida fragilità
Quando rinchiudo fuori la realtà

E come si fa? Lasciarsi dietro la città
Io resto qua a bere qualcosa in questo stupido bar
Tu forse dormirai
Sì, adesso dormirai

E come si fa? Lasciarsi dietro la città
Io resto qua a bere qualcosa in questo stupido bar
Tu forse dormirai
Sì, adesso dormirai

Tu adesso dormirai
Sì, adesso dormirai
Tu forse dormirai
Sì, adesso dormirai
Forse dormirai

Writers: Niccolò Moriconi

Enable Notifications OK No thanks