Vai al contenuto
Home » Plume (Album)

Plume (Album)

Pubblicità
”Sport

Artist: Irama
Released: June 1, 2018
Genre: Pop, Rap
Language: Italian
Label: Warner Music Group – Warner Music Italy 
Prize:

  • 4/5 June 2019 Seat Music Awards 2019 (Album Award “Seat Music Awards 2019”)

Track listings:

  • 1 | Che ne sai – “Irama” Filippo Maria Fanti, Andrea Debernardi, Giulio Nenna, Giuseppe Colonnelli
  • 2 | Un giorno in più – “Irama” Filippo Maria Fanti (1 Extract)
  • 3 | Che vuoi che sia – “Irama” Filippo Maria Fanti , Andrea Debernardi, Giulio Nenna, Giuseppe Colonnelli
  • 4 | Nera “Irama” Filippo Maria Fanti, Andrea Debernardi, Giulio Nenna, Giuseppe Colonnelli (2 Extract)
  • 5 | Voglio solo te – Andrea Debernardi, “Irama” Filippo Maria Fanti, Giulio Nenna
  • 6 | Per sempre – “Irama”  Filippo Maria Fanti
  • 7 | Un respiro – Fausto Cogliati, “Irama” Filippo Maria Fanti,Giordano Colombo, Giuseppe Colonnelli

Che ne sai

Che ne sai della notte se
Torni a casa presto
Che ne sai, che ne sai di una donna se
Non l’hai persa mai
Che ne sai di una sbronza se
Non sei mai depresso
Che ne sai, che ne sai dell’amore se
Non tradisci mai

Che ne sai tu
Di un hangover e una pizza alle tre
Che ne sai tu
Di una vita in una stanza d’hotel
Che ne sai tu
Che ne sai di me

Che ne sai del successo se
Non ti è mai successo
Che ne sai, che ne sai della voglia se
Non ti lasci andare mai
Che ne sai della strada se
Non ti sei mai perso
Che ne sai, che ne sai di uno come me
Di uno come me

Che ne sai tu
Di un hangover e una pizza alle tre
Che ne sai tu
Di una vita in una stanza d’hotel
Che ne sai tu
Che ne sai di me

Che ne sai di tutto questo, eh?
Che ne sai cos’è che ho perso, eh?
Che ne sai, che ne sai, sì lo so
Dai lo so che ne parli lo stesso
Che sai di stare solo forse troppe volte
Come un assolo di chitarra senza più le corde

Che ne sai tu
Di un hangover e una pizza alle tre
Che ne sai tu
Di una vita in una stanza d’hotel
Che ne sai tu
Di gridare e non sapere il perché
Che ne sai tu
Che fai il figo chiuso dentro al privé
Che ne sai tu, che ne sai di
Che ne sai tu
Di un hangover e una pizza alle tre
Che ne sai tu
Di una figa in una stanza d’hotel
Che ne sai tu
Di gridare e non sapere il perché
Che ne sai tu
Che fai un tiro chiuso dentro al privé
Che ne sai tu
Che ne sai di me

 Writers: “Irama” Filippo Maria Fanti, Andrea Debernardi, Giulio Nenna, Giuseppe Colonnelli


Un giorno in più 

Quante cose che non sai
Quante cose ti direi
Nascondi un sospiro per non darmi l’ansia
La tua vita non la farò mai
Tu mi dici te la caverai
E asciughi una lacrima dalla mia guancia
Mi hai insegnato a perdere e ora non puoi perdere più
Mi hai insegnato a vivere, ora devi farlo anche tu

Anche se brucia un taglio passa lo so
Ma lascia un segno dentro di me, oh oh
Tra i miei ricordi e polvere
Quanti sforzi hai fatto per
Un giorno in più
Un giorno in più
Un taglio passa lo so
Ma lascia un vuoto dentro di me, oh oh
Giuro non cambierà per me
Resterò senza di te
Un giorno in più
Un giorno in più

Quante cose che non so
Quante cose che ti chiederei
Restiamo in silenzio guardandoci in faccia
Spero almeno che mi capirai
Se non so chiederti come stai
E cade una lacrima sulla tua giacca
Mi hai insegnato a perdere e ora non puoi perdere più
Mi hai insegnato a vivere ora devi farlo anche tu

Anche se brucia un taglio passa lo so
Ma lascia un segno dentro di me, oh oh
Tra i miei ricordi e polvere
Quanti sforzi hai fatto per
Un giorno in più
Un giorno in più
Un taglio passa lo so
Ma lascia un vuoto dentro di me, oh oh
Giuro non cambierà per me
Resterò senza di te
Un giorno in più
Un giorno in più

Giuro non cambierà per me
Resterò senza di te
Un giorno in più
Un giorno in più

Anche se brucia un taglio passa lo so
Ma lascia un segno dentro di me, oh oh
Giuro non cambierà per me
Resterò senza di te
Un giorno in più
Un giorno in più

Writers: “Irama” Filippo Maria Fanti


Che vuoi che sia 

Vidi un ragazzo in una sala d’attesa
Con qualche rosa in mano come in un film
Pensai che fosse una bella sorpresa
Ma lui era ogni giorno lì

Mi ricordo lei
Dentro una stanza che si sistemava
Diceva, “Fermo non entrare, dai non mi guardare
Ho ancora queste occhiaie, non sono truccata”
Ma no, non smetteva di guardarla mentre sorrideva
Dandole un bacio così lungo che veniva sera
Se c’è una cosa che ho imparato
È che chi ama non si arrende mai

Facciamo un viaggio che ne dici?
Immagina le cicatrici, strade di Parigi
Le lacrime e il Tamigi, sarò lì a fianco a te
Dai credimi che passerà

Che vuoi che sia
Ti trucchi un’altra volta
Andiamo via
Il cielo in questa stanza sembri te
Non vedi che va meglio qui con me
Mi prenderò io cura di te
(Uu)
(Uu)

Vidi un ragazzo in una sala d’attesa
Con qualche rosa in mano come in un film
Pensai che fosse un’altra bella sorpresa
Ma lui era ogni giorno lì

Io che non credo al paradiso
Né a storie inventate
Ma di una cosa sono certo
E un po’ mi dà conforto
Che due persone non si possono dividere
Finché esisterà il ricordo
E poi passati un po’ di giorni lo rividi ancora
Sai, qualche volta il tempo passa
E porta via una storia
Lasciando solo quella stanza vuota
E a terra qualche petalo caduto da una rosa

Dai non scherzare, fai la brava
Davvero non ci credo che tu te ne sia già andata
C’è ancora il tuo profumo nella stanza
Non puoi essere lontana
Ma passerà

Che vuoi che sia
Ti trucchi un’altra volta
Andiamo via
Il cielo in questa stanza sembri te
Non vedi che va meglio qui con me
Mi prenderò io cura

Che vuoi che sia
Ti trucchi un’altra volta
Andiamo via
Il cielo in questa stanza sembri te
Non vedi che va meglio qui con me
Mi prenderò io cura di te

Writers: “Irama” Filippo Maria Fanti , Andrea Debernardi, Giulio Nenna, Giuseppe Colonnelli


Nera 

Ti osservo da un po’ e non so se ti ho
Già vista per la strada o dentro al Rolling Stone
Non so che cos’ho ma so che si può
Andare a fondo insieme dentro a un altro shot
Io e te, un bar, svelta andiamocene via di qua
Dove l’orizzonte non ha fine, la sabbia fine,
Quanto sei fine quando arrossisci per un complimento
E se ci perderemo rimarrà un momento
Brindiamo alla vita per ogni ferita che sarà servita
Per stare con te
Dai non vedi che
Ti vorrei, lo vedi quanto ti vorrei

Nera come la tua schiena
Vestita da sera
Sciogliti i capelli
Poi balla un po’
Nera come questa sera
Con la luna piena
Muoviti poi balla
Poi balla un po’

Ti osservo da un po’ e non so se ti ho
Bla bla bla parlami dai
Fa-fa-fammelo vedere che fai
Quando ti provoco
Come puoi dirmi di no
Lo sai, che sprechi solo tempo

Sai l’amore è complicato
Specialmente quando è nato
Da un colpo di fulmine andato sul cuore sbagliato
Ma dicono che forse non fa per te
Dicono che forse non fai per me
Brindiamo all’invidia per ogni ferita
Che sarà servita per stare con te
Dai non vedi che
Ti vorrei, lo vedi quanto ti vorrei

Nera come la tua schiena
Vestita da sera
Sciogliti i capelli
Poi balla un po’
Nera come questa sera
Con la luna piena
Muoviti poi balla
Poi balla un po’

Bella anche senza photoshop
Bruci come in un coffee shop
Quando alzi un po’ il gomito
Sei più bella del solito
Ma tu, balla, tu balla un po’
Nera come la tua schiena
Vestita da sera
Sciogliti i capelli
Poi balla un po’
Nera come questa sera
Con la luna piena
Muoviti poi balla
Poi balla un po’

Writers: “Irama” Filippo Maria Fanti, Andrea Debernardi, Giulio Nenna, Giuseppe Colonnelli


Voglio solo te 

Come mai
Non mi sembri più tu
Ma quanti cazzo di problemi ho
Come fai a guardarmi così
Come se un cuore fosse in prestito

Ti ho detto passa ma non passa mai
Ti ho detto basta ma non basta mai
Se ho toccato il fondo era solo per stare con te
Ti ho detto guardami in faccia e poi vai
Stupida sbronza che non passa mai
Come la voglia di sbatterti al muro
E baciarti perché

Sono giù
Che grido come un pazzo “dove sei?”
Solo tu
Mi fai impazzire che ti ammazzerei
Ma ora voglio solo te

Passerai da un “per sempre” a un “mai più”
Ma è dal dolore che si cresce un po’
No, che un “ti amo” è da sfigati
Scusa ma non lo dirò gratis
Cosa sei per me?
Cosa sei per me?

Ti ho detto passa ma non passa mai
Ti ho detto basta ma non basta mai
Se ho toccato il fondo era solo per stare con te
Ti ho detto guardami in faccia e poi vai
Stupida sbronza che non passa mai
Come la voglia di sbatterti al muro
E baciarti perché

Sono giù
Che grido come un pazzo “dove sei?”
Solo tu
Mi fai impazzire che ti ammazzerei
Ma ora voglio solo te

E la tua pelle è come seta
Ma la mia è più dura
Sai, mi ha protetto dallo schifo
Come un’armatura, e sbagli
L’amore non è cieco
Ha solo smesso di guardarci

Sono giù
Che grido come un pazzo “dove sei?”
Solo tu
Mi fai impazzire che ti ammazzerei
Sono giù
Che grido come un pazzo “dove sei?”
Solo tu
Mi fai impazzire che ti ammazzerei
Ma ora voglio solo te

Writers:  Andrea Debernardi, “Irama” Filippo Maria Fanti, Giulio Nenna


Per sempre

  Una faccia così
Non ce l’hai
Ti sbagliavi, non cambio mai
Una doccia da un drink
Poi bye bye

Cerchi un principe senza guai
C’è chi sogna un’auto nuova e una vita chic
A chi bastano due soldi per farsi un film
Ma io cerco poesia
Una storia che aspetti
La pioggia per scendere in strada ma

Se ti ho detto “sei mia”
È soltanto perché
Almeno tu creda all’eternità

Ho fatto a pugni come il solito mio
Ti ho chiesto scusa ma di solito io
Non credo a niente
Che sia per sempre
Ho fatto a pugni come il solito mio
Non è una scusa ma di solito io
Non credo a niente
Che sia per sempre

Tu una faccia così
Non ce l’hai
Ti sbagliavi, non cambio mai

Non cambierò
Come non cambia chi soffre
Come le facce in un bar alle due di notte
Tu credevi in un “per sempre”
Io credo solo a me stesso
Tu che ascolti il tuo cuore
Il mio è freddo come l’inverno
Un po’ di frasi banali sopra i muri del centro
Che a cancellarle ci penserà il tempo
Qualche rosa sul cruscotto per un appuntamento
Che appassirà nel cercare parcheggio
E siamo simili lo ammetto
Freddi come le frasi che dico dentro al tuo letto
Finti come sorrisi che fai davanti allo specchio
Per essere bella fin troppo bella
Per quello che ho dentro
Per quello che ho dentro

Se ti ho detto “sei mia”
È soltanto perché
Almeno tu creda all’eternità

Ho fatto a pugni come il solito mio
Ti ho chiesto scusa ma di solito io
Non credo a niente
Che sia per sempre
Ho fatto a pugni come il solito mio
Non è una scusa ma di solito io
Non credo a niente
Che sia per sempre

Dimmi che serve fingere che sia per sempre
Se non ci serve
Dimmi che serve fingere che sia per sempre
Se non ci serve

Ho fatto a pugni come il solito mio
Ti ho chiesto scusa ma di solito io
Non credo a niente
Che sia per sempre
Ho fatto a pugni come il solito mio
Non è una scusa ma di solito io
Non credo a niente
Che sia per sempre

Tu una faccia così
Non ce l’hai
Ti sbagliavi non cambio mai

Writers: “Irama”  Filippo Maria Fanti


Un respiro 

Un respiro
Si toglie solo se il cuore
Ti batte di più
O col bacio sul collo di un’altra bottiglia
Che butterò giù
Che butterò giù
Con la faccia pulita
E una pelle più sporca dei lividi blu
Sempre di più, come un tattoo

Steso a terra ho chiesto a dio
Se c’eri anche tu, ehi ehi ehi
Mi manchi tu, questo è un déjà vu
Lo riconosco perché non piango
Quel giorno sembravo un mostro
Quel giorno è durato un anno
Le nuvole e il fango
Un prete prega bardato per farlo
Nel nome del padre, del figlio e lo spirito, salto
Questa messa in scena, me ne vado
Mi ricordo un lago, faceva molto freddo
Ed io da solo in isolamento
Mentre col tempo crescevo con un’isola dentro

Se non ho più parole
E non sei qui con me
Un ricordo banale
È tutto ciò che resterà di te

Ma quale dio prego
Non so se mi spiego
Sono cresciuto pure senza te ma sai
Quanti tagli ormai
Che non saprò mai più richiudere

Ringrazia il mio go
Non so se mi spiego
Sono cresciuto pure senza te, ma sai
Quanti tagli ormai
Che non saprò mai più nascondere, oh no no no
E la voce si spezza, eh
Quando parlo di te

So che mi vedi
Non sono come credevi
La vita ci ha preso a calci
Ci ha unito come due fedi
L’amore rende stabili, forti oppure indifesi
Piangiamo come dei salici
Lottiamo come dei guerrieri

Se non ho più parole
E non sei qui con me
Un ricordo banale
È tutto ciò che resterà di te, eh

Che mi di resta di te?

Un respiro si toglie soltanto
Se il cuore ti batte di più
O col bacio sul collo di un’altra bottiglia
Che butterò giù
Con la faccia pulita
E una pelle che sporca dai lividi blu
Non mi manca più il fiato
Ma mi manchi tu

Oggi è venerdì, scrivo un po’ di più
Non mi sento giù, non mi sembro io
Mentre guardo in sù
Stringo dentro gli occhi la tua stessa luce
Mentre un ricordo mi strappa il cuore
C’è un altro che lo ricuce
Vita toglie, vita dà
Vieni su al solito bar
Fingo di aspettarti ma il ghiaccio si scioglierà
So che non tornerai e no che non tornerai
Ho ancora il biglietto
Per quel concerto a cui non verrai
Dammi solo un buon motivo
Dammene uno solo il perché
Sei partita senza dirlo a nessuno
Niente di che
Mi aspettavo solamente un saluto
Siamo io e te
A guardarci tra le nuvole e fumo
Vorrei tornare indietro
Solo per un addio
E dirti che il concerto era il mio

Per dirti quel concerto era il mio

Se non ho più parole

Writers: Fausto Cogliati, “Irama” Filippo Maria Fanti,Giordano Colombo, Giuseppe Colonnelli